Mutuo giovani: opportunità e offerte per gli under 36

Buone notizie in arrivo per i giovani che desiderano acquistare casa con un mutuo. Attraverso il Decreto Sostegni bis sono state introdotte importanti novità per chi ha meno di 36 anni, con una serie di soluzioni che rendono più semplice richiedere un mutuo ipotecario per l’acquisto della prima abitazione. Le nuove opportunità permettono di usufruire di una garanzia pubblica fino all’80%, oltre all’esenzione dal versamento delle imposte per comprare la prima casa.

Con il Fondo di Garanzia Mutui Prima Casa diventa possibile richiedere un mutuo 100% per gli under 36, partendo da una copertura minima del Fondo per gli aventi diritto del 50%, una misura il cui scopo è incentivare l’acquisto dell’immobile da parte dei più giovani. Le condizioni agevolate saranno disponibili fino al 30 giugno 2022, il termine ultimo per presentare la domanda presso una delle 217 banche convenzionate con la Consap.

Come funziona il nuovo mutuo giovani agevolato under 36

I giovani con meno di 36 anni d’età possono richiedere un mutuo agevolato per l’acquisto della prima casa, beneficiando della garanzia statale dal 50 all’80% offerta dal Fondo di Garanzia per i mutui fino a 250 mila euro.

Ovviamente non deve trattarsi di un’abitazione di lusso (categorie catastali A1, A8 e A9), mentre possono accedere a queste agevolazioni tutti gli under 36 con qualsiasi tipo di contratto lavorativo e un ISEE inferiore a 40 mila euro.

Grazie alla possibilità di ottenere la garanzia pubblica fino all’80% del mutuo, alcuni istituti di credito offrono soluzioni che consentono di finanziare anche l’intero importo. Una delle banche che propone questa opzione è Crédit Agricole, che mette a disposizione dei giovani delle offerte per il mutuo con finanziamento fino al 100%, grazie al Fondo Prima Casa. Inoltre, consente di gestire online il mutuo, di saltare una rata ogni anno in caso di necessità, di avere numerose agevolazioni fiscali e di pagare la prima rata dopo 12 mesi.

L’estensione della garanzia del Fondo Prima Casa dal 50 all’80% rappresenta un’importante novità per i giovani, garantendo un maggiore accesso al credito per acquistare un immobile di proprietà. La versione definitiva del Sostegni bis prevede ulteriori novità in termini fiscali. Infatti, gli under 36 che comprano una prima casa possono evitare il pagamento di una serie di spese fisse legate all’acquisto dell’abitazione, rendendo l’operazione ancora più vantaggiosa.

Per quanto riguarda l’atto di compravendita, vengono eliminate l’imposta di registro, catastale e ipotecaria, mentre in relazione al mutuo ipotecario viene offerta l’esenzione dell’imposta sostitutiva, una tassa che altrimenti vale lo 0,25% dell’importo totale del finanziamento. Inoltre, qualora venga applicata l’IVA, i giovani con meno di 36 anni d’età che rientrano nel profilo possono ottenere un credito d’imposta, di valore pari all’ammontare dell’IVA.

Mutuo o affitto: qual è la soluzione più vantaggiosa per i giovani?

La maggior parte dei giovani si trova attualmente in affitto, una situazione spesso dettata dalla difficoltà di accesso al credito, dalla mancanza di capitali adeguati per versare l’anticipo e dalla precarietà della posizione lavorativa.

In molte città italiane l’affitto è una spesa consistente, considerando che un appartamento da 60 mq a Milano o Roma può costare intorno ai 900-1.000 euro al mese, un prezzo significativo per una coppia di giovani.

Con il Fondo di Garanzia Prima Casa vengono eliminate una serie di barriere che ostacolavano l’acquisto dell’immobile, tra cui alcune spese di natura fiscale e l’aumento della garanzia pubblica dal 50 all’80%. Sottoscrivendo un mutuo con una banca che offre il finanziamento del 100% è possibile evitare anche il problema dell’anticipo, limitandosi al pagamento dei costi notarili e delle commissioni dell’agenzia immobiliare, che pesano in genere intorno al 3-4% della somma totale.

In questo modo, è possibile pagare un costo mensile più basso, infatti nella maggior parte dei casi la rata del mutuo è inferiore rispetto al canone di locazione, grazie anche al momento favorevole con tassi d’interesse particolarmente vantaggiosi.

Inoltre, l’acquisto dell’immobile rappresenta un vero e proprio investimento di lungo termine, per evitare di spendere soldi nell’affitto e ritrovarsi con un bene di proprietà. Senza dubbio per gli under 36 è il momento giusto per valutare questa opzione, ricordando che l’agevolazione sarà disponibile fino alla fine di giugno 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.