Forex: dai migliori broker alle strategie più diffuse per operare sul mercato valutario

Il mercato valutario è sicuramente uno degli ambiti più interessanti del trading online, in quanto prevede l’utilizzo di un sistema di investimento ormai consolidato e che da diversi anni appassiona tante persone. Le valute internazionali rappresentano infatti per molti una buona occasione di investimento, in quanto solitamente contraddistinte da una minore volatilità, rispetto a quanto avviene con altri asset. Ovviamente questo non significa che le operazioni in questo ambito siano prive di rischi e di conseguenza è sempre importante ponderare bene i propri passi.

Il primo di questi riguarda la scelta di uno dei migliori broker del settore. Si tratta di un aspetto fondamentale per chi intende fare trading online, in quanto consente di operare con il massimo grado di sicurezza. Le garanzie in possesso delle migliori piattaforme equiparano infatti questi strumenti a delle vere e proprie banche online e permettono ai traders di muoversi con la massima serenità. Inoltre scegliere bene il broker da utilizzare permette anche di ridurre i costi di gestione di un investimento e di evitare costose commissioni sulle compravendite.

Ottimi broker per il forex

I migliori broker forexhanno sviluppato negli ultimi anni dei sistemi di investimento particolarmente ottimizzati, in quanto basati su un’interfaccia grafica semplice e intuitiva che facilita notevolmente le operazioni anche agli utenti meno esperti. Per effettuare una prima scrematura iniziale è possibile affermare che i migliori broker sono quelli che dispongono delle più elevate garanzie di sicurezza, come ad esempio l’iscrizione a circuiti come CySec, Consob o Fca.

Una volta limitata la scelta a questi broker, solitamente tutti indicati nelle apposite guide del settore, è possibile prendere in considerazione altri fattori utili. Questi non rendono un broker migliore in assoluto ma possono farlo risultare più adatto alle esigenze di un utilizzatore. Nello specifico alcuni aspetti che devono essere soppesati in modo soggettivo sono ad esempio:

  • Deposito minimo.
  • Strumenti di analisi.
  • Funzionalità di gestione.
  • Conto demo.
  • Corsi di formazione per principianti.
  • Ampiezza catalogo valute.

Il deposito minimo permette di capire se l’investimento iniziale, richiesto per utilizzare la piattaforma, è in linea con le proprie aspettative di budget. Gli strumenti di analisi e di visualizzazione dei trend d’investimento possono invece aiutare chi investe ad orientarsi in modo da farlo in maniera sempre consapevole e da cercare di individuare dei buoni “punti d’ingresso” per aprire nuove posizioni. Tra le funzionalità di gestione degli investimenti più utili vi è sicuramente lo stop loss, uno strumento che permette di contenere le perdite nel caso un’operazione non andasse nella maniera sperata.

Le strategie più utilizzate

Per prima cosa è importante segnalare che per i principianti è fortemente consigliabile scegliere una piattaforma che permetta di seguire dei corsi di formazione gratuiti, sotto forma di ebook o di videolezioni, e/o di utilizzare la modalità demo. Quest’ultima permette di iniziare a fare delle simulazioni di investimenti condotti tramite il forex e di valutare l’impatto che questi avrebbero prodotto nel corso del tempo.

Tra i broker universalmente conosciuti per la qualità dei propri servizi vi sono ad esempio: eToro, Capital.com, FP Markets, Trade.com e Plus 500. Tutti questi includono anche la modalità demo, oltre a tante altre funzionalità particolarmente importanti. Una delle strategie più utilizzate in ambito forex è la Price Action, una metodologia che sfrutta delle analisi tecniche (matematiche) per comprendere in base all’andamento dei prezzi di alcuni asset, quale può essere un buon momento per investire su una particolare valuta.

Sicuramente presenta un sistema molto accurato di investimento ma occorre prestare attenzione, in quanto non tiene conto dei fattori macroeconomici che possono influire significativamente in determinati periodi, come ad esempio quello attuale. Un’altra strategia molto utilizzata, per chi fa forex nel breve termine è lo Scalping. Questa prevede l’apertura di molte posizioni e la loro chiusura dopo pochi minuti. La scelta dei titoli oggetto dell’apertura avviene solitamente guardando quelli più venduti o più acquistati del momento.

Ovviamente non tutte le posizioni potranno rivelarsi produttive in tal modo ma chi opera con lo scalping spera sempre che le proprie mosse produttive siano maggiori di quelle che si riveleranno in perdita. Per chi investe invece nel lungo periodo resta fondamentale il ricorso all’analisi macroeconomica per cercare di individuare delle coppie di valute che potranno acquisire maggior valore nel corso del tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.