Milka

Milka è un brand di cioccolato svizzero che nasce nel marzo del 1901, il cui nome venne registrato come marchio. Milka nasce dalla combinazione delle parole “Milch” (latte) e Kakao (cacao). Proprio in questo anno, venne confezionata la prima tavoletta di cioccolato nella celebre carta di colore lilla che ancora oggi contraddistingue il cioccolato da quello di altre aziende.

Storia dell’azienda

Il pasticcere Philippe Suchard nel novembre del 1825 aprì un laboratorio di dolci in Svizzera. Produceva un nuovo dolce di cioccolato fatto a mano, di cui non se ne conosce la ricetta. Nel 1826 il pasticciere comprò un ex mulino ad acqua, nel paese vicino di Serrières e vi installò un impianto per la produzione delle tavolette di cioccolato che consentiva di ottenere una produzione di 25-30 kg al giorno.

Dopo il 1890 ebbe inizio la produzione della cioccolata al latte Suchard, ma solo nel 1901 venne registrato il marchio Milka, nato dall’unione di Milch e Kakao. Da quel momento, le tavolette vennero vendute all’interno di una confezione di colore lilla con stampata sopra l’immagine di una mucca in un prato delle alpi. Nel 1973 anche la mucca divenne di colore lilla e ogni prodotto venne confezionato con la scritta Milka in bianco.

Proprio il colore lilla diventò il simbolo del marchio, utilizzato ancora oggi nelle confezioni sia delle tavolette che di tutti gli altri prodotti a marchio Milka. La sede di produzione si trova in Svizzera, dove ogni anno vengono prodotte tonnellate di tavolette di cioccolato. Altri stabilimenti sono dislocati in Austria, Francia, Romania, Polonia.

Prodotti Milka: come viene lavorato il cioccolato?

Il cioccolato Milka è prodotto con il 100% di latte alpino. Sul sito ufficiale dell’azienda nella sezione “Prodotti” è possibile sfogliare il catalogo dei prodotti Milka: tavolette di cioccolato, biscotti e merendine, praline e novità. Il cacao utilizzato per la produzione del cioccolato con 100% latte alpino, proviene dai frutti dell’albero del cacao che cresce rigoglioso nella foresta equatoriale. I paesi in cui avviene la coltivazione del cacao sono la Repubblica della Costa d’Avorio e il Ghana, ma anche India, Indonesia, Brasile e Repubblica Dominicana.

Il cacao è coltivato per lo più da piccoli agricoltori, la cui coltivazione richiede attenzione e pazienza, perché si tratta di un frutto molto delicato. La prima raccolta può avvenire solo dopo 5 anni. I frutti sono raccolti a mano e aperti con un machete sul tronco o sul ramo dove crescono. I coltivatori prendono il contenuto formato da semi e polpa, e lo riversano su foglie di banano chiudendole, in modo che semi e polpa inizino a fermentare.

Al termine del processo di fermentazione inizia la fase di essiccazione delle fave di cacao sistemate su grandi stuoie. Le fave sono lasciate essiccare sotto il sole dai 6 ai 10 giorni. Dalla fermentazione e dall’essiccazione dipende la qualità del cacao, due fasi che svolgono un ruolo molto importante anche per il sapore. A questo punto le fasi successive sono:

  • la tostatura: che avviene dentro una macchina chiamata tostatrice. Qui le fave vengono tostate a temperature comprese tra i 140° e i 150°C, in tamburi rotanti per 10-35 minuti;
  • la frantumazione e pulitura: con una macina si frantumano i chicchi tostati e si eliminano le bucce;
  • la macinatura: dopo la frantumazione, il grasso delle fave di cacao (il burro di cacao) è racchiuso nelle cellule del tessuto vegetale per cui le fave vengono nuovamente frantumate per essere macinate. Nel corso di questo processo il burro di cacao esce dalle cellule e le fave di cacao diventano un massa viscosa dal colore marrone scuro;
  • la pressatura: per produrre la polvere di cacao si preme la massa liquida in una pressa. Il burro di cacao trasparente e di colore giallo defluisce, e ciò che rimane è una forma compressa di cacao da macinare e polverizzare;
  • la miscelazione: per la produzione del cioccolato, con una pompa viene introdotta la massa di cacao in un miscelatore e secondo delle ricette antiche, viene mescolata con lo zucchero, il latte in polvere e altri ingredienti. Un processo che dura circa mezz’ora;
  • la raffinazione: l’impasto ottenuto è troppo granuloso quindi, necessita di essere raffinato per ottenere una polvere sottile;
  • il concaggio: nella polvere si possono ancora percepire sapori aspri e amari, quindi occorre procedere con una fase nella quale mescolare la polvere dentro enormi contenitori, chiamati “conche”. Durante la miscela che dura anche 48 ore, la polvere si scioglie e le sostanze aromatiche cattive evaporano. Il concaggio è quindi, un passaggio molto importante per la fase successiva di fusione del cioccolato;
  • il modellaggio: la massa liquida viene portata nell’apposito impianto per la creazione delle tavolette. Viene versata in stampi riscaldati, facendola colare attraverso degli imbuti oscillanti, mentre le bolle di aria trattenute all’interno vengono eliminate con un leggero movimento della macchina vibrante. Quando le tavolette si raffreddano, si riducono di dimensione per essere estratte capovolgendo lo stampo con un leggero colpo.

Il ripieno nelle tavolette Milka viene inserito con un semplice trucco. Come si fa con le tavolette senza ripieno, il cioccolato liquido viene versato in stampi riscaldati. Lo stampo viene capovolto in modo che rimanda solo il cioccolato che ha aderito alle pareti dello stampo. Questo viene girato, lasciato raffreddare per la successiva fase di farcitura. Alla fine viene versata quella che sarà la base della tavoletta.

Ingredienti utilizzati

A rendere inconfondibile il cioccolato Milka è senza dubbio la qualità del latte alpino, che lo rende morbido insieme all’aggiunta di altri ingredienti. Ogni litro di latte viene controllato e deve essere prodotto nelle valli e alte valli delle Alpi e Prealpi. Prima di essere aggiunto al cioccolato, viene trasformato in latte in polvere e grasso di burro.

Gli ingredienti di base per ogni tavoletta di cioccolato sono il cacao, il latte e lo zucchero. A questi si aggiungono poi altri ingredienti per dare il gusto, come le nocciole. Nelle fabbriche per garantire che tutte le tavolette prodotte abbiano lo stesso sapore, vengono prodotte seguendo un’unica ricetta e un processo controllato. Nella lavorazione vengono rispettate con precisione tutte le fasi e gli ingredienti derivati dal latte vengono aggiunti uno per volta. Sulla confezione è indicato ogni singolo ingrediente contenuto nel cioccolato così come gli allergeni più comuni.

Sito web e contatti

All’interno del sito web ufficiale, https://www.milka.it, puoi trovare una serie di informazioni riguardanti l’azienda, le modalità di produzione del cioccolato, gli ingredienti utilizzati. Per metterti in contatto con l’azienda basta cliccare sul pulsante a forma di @ che trovi in alto a destra. Si aprirà una pagina nella quale dovrai inserire i tuoi dati e il motivo della richiesta di assistenza e attendere di essere ricontattato il prima possibile. In alternativa, puoi contattare il numero verde: 800-055200.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.