Menu Chiudi

Pfizer

Storia

La Pfizer nasce a New York nell’ultimo decennio del 1800 ad opera dei cugini tedeschi Pfizer e Erhadt. Commerciano prodotti chimici, tra cui un antiparassitario e l’acido citrico, prime chiavi del loro successo e si espandono fino ad arrivare, nel 1910, a un fatturato di 3 milioni di dollari. Con l’arrivo della seconda guerra mondiale, sviluppano la produzione di penicillina: l’uso di questo antibiotico viene considerato miracoloso nella cura delle ferite dei soldati. Con la fine della guerra e l’arrivo degli anni ’50, la Pfizer crea filiali in Europa e Sud America, sviluppa abilità nel settore agricolo e acquisisce altre aziende specializzate nella produzione di integratori alimentari. Nonostante gli alti e i bassi a cui è andata incontro la società, nell’ambito dei prezzi dei farmaci o della loro efficacia, la Pfizer arriva al nuovo millennio con un bilancio sorprendente e l’acquisizione di altre aziende internazionali. Gli inevitabili tagli al personale e la chiusura di controversie legate a determinati prodotti, non le impediscono di piazzarsi al 46° posto della classifica delle aziende mondiali nel 2009 e al primo posto in termini di fatturato. Nel 2011 chiude definitivamente alcuni stabilimenti di ricerca di rimedi contro le allergie, le patologie respiratorie e urologiche per dedicarsi maggiormente ad aree quali neuroscienze, oncologia, vaccini e malattie cardiovascolari. In Italia, la Pfizer è presente con sedi amministrative e produttive nel Lazio, Lombardia e Sicilia.

Prodotti e quotazione azioni

La Pfizer s’impegna, in ogni sua filiale, nella collaborazione con i governi locali, al fine di offrire il miglior prodotto possibile che contribuisca al benessere della società. In Italia è presente fin dal 1955 e ha sede principale nella capitale. A Milano ci sono gli uffici internazionali e un centro di oncologia, mentre in città quali Catania, Ascoli Piceno e Aprilia (LT) sono presenti stabilimenti di produzione che esportano anche in tutto il mondo. Con il Bilancio di Sostenibilità del 2017, Pfizer cerca di fare degli ideali dell’ONU le proprie linee guida, con l’impegno di limitare le emissioni di CO2 grazie anche a impianti come quelli fotovoltaici; si pone, inoltre, degli obiettivi di ecosostenibilità da raggiungere entro il 2030, siglando l’accordo ONU insieme ad altre 193 Nazioni: sconfiggere la povertà, la fame nel mondo, promuovere l’istruzione e la crescita economica e, non ultimo, assicurare la salute e il benessere della società. Queste sono solo alcune delle mete comuni che Pfizer pone nella sua agenda. L’azienda s’impegna anche nello sviluppo di nuove tecnologie, sempre in accordo con l’ambiente, per favorire la ricerca e la produzione di nuovi medicinali efficaci. Nell’ottica di una politica di trasparenza, inoltre, si è associato a Farmindustria che è membro di EFPIA (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations, che ha adottato un vero e proprio codice sulla trasparenza dei trasferimenti di valore). Al fine di garantire sempre l’immissione sul mercato di farmaci sicuri, organizza corsi formativi che aiutino gli operatori sanitari a riconoscere eventuali effetti avversi, con la raccomandazione di comunicarli tempestivamente. Questa metodologia è necessaria per perfezionare e, laddove sia necessario, rivedere la composizione di prodotti potenzialmente pericolosi. Sia in Italia che nel resto del mondo, Pfizer è fedele ai suoi standard di qualità e li applica a ogni singolo prodotto: multivitaminici e antibiotici, in cui è specializzata, ma anche antinfiammatori, antidolorifici, antipertensivi, vaccini e medicinali che riguardano l’apparato cardiocircolatorio, la dermatologia, la reumatologia, la salute della donna, l’urologia e l’oftalmologia. Infine, ha sempre un occhio attento sulla ricerca, per la quale ha già investito circa 8 miliardi di dollari, che riguarda le malattie oncologiche, autoimmuni e cardio-metaboliche, solo per citarne alcune. Alcuni dei farmaci più importanti impiegati contro queste patologie, provengono proprio dai laboratori di ricerca della Pfizer.

Contatti e lavora con noi

Sito web: http://www.pfizer.it/cont/pfizer-italia/pfizer-italia.asp

Sede legale: Via Isonzo, 71 – 04100 Latina  – Sede commerciale: Via Valbondione 113 00188 Roma

Telefono: +39 06 33182 Dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 18.00

Fax: +39 06 33626019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *